Melfi Normanna

Il saggio, pubblicato da Libria, affronta il problema, sinora poco frequentato dagli studi, della storia urbana di Melfi in epoca normanna. Raccogliendo le notizie delle fonti medievali emerge un ruolo importante della città lucana nella storia della conquista del Mezzogiorno e degli sviluppi istituzionali dell’assetto politico e territoriale imposto dai nuovi dominatori sino all’età sveva. Restava da interpretare l’impatto di queste vicende sul tessuto della città, indagando sugli elementi di continuità e su quelli innovativi, sull’eredità del nucleo bizantino catepanale aggregatosi prima della conquista a partire dal 1018, sugli sviluppi imposti dai nuovi equilibri e rapporti col territorio dalla conquista della città nel 1041, sino a recuperare in modo originale le tracce di un vero e proprio piano urbano di nuovo conio risalente all’epoca di Roberto il Guiscardo e a seguire la vera e propria reinterpretazione imposta dalla nuova configurazione del potere con Ruggero II. Una storia carica di significati anche simbolici raccolta nel breve giro di poche generazioni, ma decisiva per il futuro della città e per il suo particolare ruolo nel contesto europeo ancora chiaramente leggibile a quasi un millennio di distanza.
Stefano Borsi è nato a Lucca nel 1956 e insegna storia dell’architettura presso l’Università degli Studi della Campania. Autore di numerosi saggi scientifici editi in Italia e all’estero, ha indirizzato i suoi studi soprattutto alla cultura architettonica dell’umanesimo. Tra le sue principali monografie si ricordano Giuliano da Sangallo. I disegni di architettura e dell’antico (1985), l’edizione delle piante di Roma tra Cinquecento e Settecento (in tre volumi, 1986-1992), Polifilo architetto. Cultura architettonica e teoria artistica nell’Hypnerotomachia Poliphili di Francesco Colonna, 1499 (1995), Bramante e Urbino. Il problema della formazione (1997), Momus o del Principe. Leon Battista Alberti, i papi, il giubileo (1999), Leon Battista Alberti e Roma (2003), Leon Battista Alberti e l’antichità romana (2004), Leon Battista Alberti e Napoli (2006), Nicolò V e Roma. Alberti, Angelico, Manetti e un grande piano urbano (2009), Le origini di Barga e il culto di San Cristoforo (2009), La città vascolarizzata di Leon Battista Alberti e Leonardo. Anatomia e cultura
urbana nel Rinascimento (2010), Leon Battista Alberti tra Venezia e Ferrara. Le tracce del nucleo antico del De re aedificatoria (2011), Leon Batista Alberti e la cupola di Santa Maria del Fiore (2012), La città normanna. Aversa e l’Europa nei secoli XI e XII (2014), Introduzione alla Porcaria coniuratio di Leon Battista Alberti (2015), Il lungo viaggio di un grande mito architettonico medievale. Dal palazzo di Diocleziano ad Antiochia al palazzo di Madonna Intelligenza (2016).