1919 Francesco Saverio Nitti 744049/83 Publifoto/Olycom

Nitti_(1890)

Tra i massimi esponenti del Meridionalismo, approfondì le cause dell’arretratezza del sud a seguito dell’unificazione nazionale, elaborò diverse proposte per affrontare la questione meridionale e analizzò le ragioni del brigantaggio nel sud Italia. Durante il fascismo, a causa di violente persecuzioni da parte degli squadristi fu costretto all’esilio all’estero, da dove sostenne e finanziò attività antifasciste.

« Non vi è quasi avvenimento che interessi l’anima nazionale, o l’avvenire del paese, in cui non si ripeta che manca l’uomo. L’uomo è in noi stessi, può esser dato dallo sforzo di tutti, dalla coscienza di tutti: e noi lo attendiamo invece come una forza operante all’infuori di noi. »